L’albero delle fate :il cespuglio brutto e mistico dell’Irlanda che ha deviato un’autostrada

Il mondo è pieno di alberi famosi e misteriosi legati a leggende e folklore. L’albero della vita in Bahrain è una pianta la cui esistenza sconcerta gli scienziati. C’è il pino di Wollemi in Australia che è stato in grado di sopravvivere per più di 200 milioni di anni nonostante l’umanità abbia abusato dell’ambiente. La Polonia occidentale ha la Foresta storta, dove sappiamo che gli alberi sono stati volutamente curvati dall’uomo, ma nessuno sa davvero perché.

Ma nessuno di questi ha veramente la magica attrazione dell’albero delle Fate irlandese nella contea di Clare. Indicato anche come un cespuglio fatato, l’albero così potente ha bloccato un’autostrada pianificata per 10 anni mentre gli ingegneri della contea e completamente infastiditi hanno escogitato un modo per costruire l’autostrada per andare in giro, o forse battere intorno al cespuglio.

Quando si guida da esso, non c’è nulla di veramente impressionante su questo albero. È un albero di biancospino, in piedi da solo, rami così incolti che non puoi più vedere il tronco. Si trova nella mediana della M18, tra Limerick e Galway, mentre camionisti, turisti e pendolari sfrecciano oltre andando a 100 chilometri all’ora.

Nel 1999, l’aggiornamento dell’M18 fu ritardato, reindirizzato e aperto un decennio dopo la data di completamento prevista. Il Consiglio della Contea di Clare aveva scritto nel contratto di costruzione l “albero doveva essere protetto, non importa il costo e l” autostrada non poteva venire entro cinque metri dell ” albero sacro. Una barriera protettiva doveva essere costruita attorno ad essa. Questo è stato il governo locale utilizzando ancora più soldi dei contribuenti per salvare questo albero cespuglioso ed i contribuenti volentieri obbligati.

Anche se può sembrare sciocco a te o a me, le fate non sono uno scherzo in Irlanda. Faries o “Daoine Sidhe” in Galico, devono essere rispettati, protetti e persino temuti. Un folklorista locale crede che questo albero sia il punto di incontro per le fate del Kerry e le fate del Connacht per combattere. Il che mi sembra plausibile.

Quindi cosa succede se questo albero o qualsiasi altro albero fatato viene profanato: conseguenze a destra di fiabe. In questo caso, se l’albero fosse stato abbattuto o addirittura spostato in una nuova posizione, tutti quelli associati al progetto avrebbero avuto una fortuna terribile, non avrebbero mai dormito bene e forse avrebbero incontrato una fine sfortunata. L’esperto di fate ha persino avvertito che i conducenti dell’M18 erano soggetti a vittime poiché le fate del Kerry e le fate del Connacht avrebbero finalmente trovato un terreno comune e avrebbero devastato la contea di Clare. Questo potrebbe durare ovunque tra 10-15 anni, perché le fate possono apparentemente davvero tenere un rancore.

Ciò non ha impedito a qualche povero, forse un ingegnere scontento o forse una nuova tattica di battaglia delle fate del Connacht, di portare una motosega ai suoi rami una notte del 2002. Tutti i rami furono tagliati e tutto ciò che rimaneva era il tronco. Non più campo di battaglia fata. Niente più incontri fatati di Kerry protetti sotto la sua coltre di membra cespugliose. L’ingegnere della contea ha definito il crimine “deplorevole” e la polizia locale ha indagato. Purtroppo non hanno mai preso il cappero albero pazzo. Forse non lo faranno mai perché le fate si sono prese cura del vandalo.

Molti pensavano che l’albero non sarebbe sopravvissuto, ma è successa una cosa divertente. Solo otto mesi dopo, l’albero in piena sfida delle fate, ha iniziato a germogliare nuove foglie e, infine, rami. 17 anni dopo, posso verificare, dopo averlo visto con i miei occhi, che l’albero è tornato in piena fioritura disordinata e si può supporre che le fate di Connacht e Kerry siano tornate alla loro battaglia per tutta la vita.

Ci sono un sacco di alberi fatati in tutta l’Irlanda, ma nessuno così infame come quello che si trova lungo l’interscambio occupato. Se vi trovate a Dublino, dirigetevi verso ovest sulla M7 fino alla M18. Si tratta di circa 230 chilometri o di due ore e mezza di auto e un ottimo pit stop se siete sulla buona strada per le scogliere di Moher. Basta non disturbare il campo di battaglia fata e fammi sapere se si macchia qualsiasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts